Europa

 Aircraft made ofcinnamon in cappuccino, passports and boarding passes with Europe map. Travel concept

Opportunità è Europa

 

Eh si, partire per una meta europea, se non altro per imparare la lingua, di solito quell’inglese che malgrado tutto non è mai fluent…

Le possibilità al giorno d’oggi sono diverse e l’Unione Europea ha predisposto diversi programmi per i giovani che intendono formarsi, lavorare o vivere un’esperienza di scambio culturale in uno dei paesi membri e non solo.

Vediamo da dove…Partire!

Erasmus +, molto + di cosa immagini

«Un’arrabbiatura e un’umiliazione: ecco la genesi dell’Erasmus. Ho promesso a me stessa che nessun altro studente avrebbe dovuto subire un’offesa come quella che avevo patito io» S. Corradi, prima studentessa Erasmus

Il programma Erasmus nasce ufficialmente nel 1987 ma è nel 2002 che, grazie al cinema, entra nell’immaginario collettivo di milioni di studenti.

Per il periodo 2014 – 2020 l’Unione Europea ha promosso il programma Erasmus +, che combina e integra tutte le azioni messe in campo dall’UE a partire da 2013, coinvolgendo diplomati, laureati e disoccupati.

I vari programmi sono divisi in 3 macro aree:

Verifica i programmi che l’Università di Pisa propone e continua a seguirci per restare sempre aggiornato!

Lavorare in Europa: da dove iniziare?

  • EURES, portale europeo della mobilità: qui potete inserire il vostro cv e cercare fra gli annunci pubblicati dalle aziende di tutta Europa quello che più vi interessa. Il portale offre diversi servizi, compreso il contatto con i consulenti Eures.

  • DROP’PIN EURES, un portale più social dove potrete trovare storie e informazioni da condividere con la community

  • YOUR FIRST EURES JOB, portale della stessa “famiglia” dei precedenti ma con un approccio più pratico
  • AU PAIR  , tipologia di soggiorno/lavoro da svolgere in una famiglia ospitante, dedicato per lo più alle giovani donne tra i 17 e i 30 anni, dove a fronte di un aiuto come baby sitter è previsto vitto, alloggio, poket money e un corso di lingua.
  • Il web offre una miriade di possibilità per recuperare informazioni e programmare la ricerca di un lavoro all’estero. Tra i vari forum, community e gruppi sui social network vi segnaliamo Goodbye Mamma, un blog che raccoglie esperienze di italiani che ormai vivono e lavorano all’estero.

Condividi/Share on
FacebookTwitterGoogle+WhatsAppPinterestTumblrSkypeGoogle GmailCondividi